Nuovo Teatro Comunale di Empoli

Il Ferruccio

Un teatro per Empoli

Si alzi il siparo sul futuro

Un teatro civico adagiato lungo l'Arno, raggiungibile in bicicletta percorrendo la ciclopista che costeggia il nostro fiume, a disposizione di tutto il territorio e affacciato su un parco della musica e delle arti che comprenderà anche lo storico Palazzo dela Esposizioni, disegnando così una nuova polarità del nostro centro cittadino.
Sarà uno dei pochi edifici pubblici italiani nato da un percorso partecipativo che ha coinvolto la cittadinanza, le associazioni e le aziende.
Un grande investimento collettivo per il futuro del territorio e delle nuove generazioni.

Oltre il teatro

Il Parco Culturale

Un teatro all'avanguardia, una sala convegni, un luogo consacrato alla musica e alla danza con spazi per la ristorazione e sale a disposizione per le organizzazioni culturali. La realizzazione del nuovo teatro di Empoli si inserisce in un progetto più ampio e complesso di rigenerazione urbana dell'intera area di piazza Guido Guerra, per cui il Comune di Empoli ha già ottenuto un finanziamento di 9 milioni di Euro sui fondi PNRR.
Per completare l'opera è necessario un ulteriore milione di Euro.

Il sogno inizia a trasformarsi in realtà

Teatro ma non solo, vero e proprio villaggio delle arti e della cultura. Il primo passo lo abbiamo mosso ed oro non resta che comminare avanti fino alla meta. Il sogno di tante generazioni di empolesi sta iniziando a trasformarsi in recitò. Sarò il primo Parco Culturale costruito dal basso insieme ai cittadini e il primo teatro nato dopo e nonostante la pandemia.

Brenda Barnini, Sindaco di Empoli

Come sostenere il progetto

La realizzazione di questo grande progetto richiede l'impegno e il sostegno delle aziende locali e dei cittadini che vorranno dare un contributo concreto alla trasformazione del sogno in realtà. Le donazioni rappresenteranno la piena partecipazione della collettività a questo progetto condiviso e pensato per rispondere ai bisogni culturali di un territorio ampio come l'Empolese Valdelsa.

Adotta una zolla

Il primo passo per la costruzione del teatro sarà la preparazione delle fondamenta. Per questo il Comune di Empoli e il Comitato "Amici del Teatro II Ferruccio" lanciano la prima raccolta fondi: Adotta una zolla. L'area di scavo è stata suddivisa in 5.400 mq che corrispondono ad altrettante 'zolle' di terreno, dal valore simbolico di 45 Euro ciascuna. Ai cittadini si propone di "adottare" una o più zolle per contribuire ai lavori per lo scavo del terreno e per la posa delle fondamenta.
Ai donatori sarà riservato un particolare grazie:
- una spia simbolo della campagna di raccolta fondi;
- un attestato a ricordo della donazione.

Un segnale ancora più forte: restare nella memoria della comunità per sempre

Il nome e il cognome di coloro che doneranno almeno 150 euro saranno inseriti nel pannello dei donatori all'ingresso principale del nuovo teatro.
La donazione potrà essere fatta anche per conto di altri o in memoria.

Chi può donare

Privati cittadini, associazioni, aziende, liberi professionisti... Tutti possono sostenere la nascita del nuovo teatro adottando una zolla al costo simbolico di 45 Euro !

Come donare

Bonifico Bancario
  • IBAN IT 33 O 0103037830 000004833235
  • Intestato a Comune di Empoli raccolta fondi realizzazione teatro civico
  • Banca Monte dei Paschi di Siena Filiale di Empoli
  • Causale Art Bonus - Comune di Empoli - nuovo Teatro Il Feruccio - Codice Fiscale/P.Iva del donatore
PagoPa
  • Portale IRIS: clicca qui per poter effettuare una donazione tramite pagoPA
  • Causale Art Bonus - Comune di Empoli - nuovo Teatro Il Feruccio - Codice Fiscale/P.Iva del donatore

Art Bonus

Le donazioni a sostegno della realizzazione del nuovo teatro comunale il Ferruccio effettuate solo tramite bonifico bancario beneficiano dell'Art Bonus che garantisce ai donatori un credito di imposta parti al 65% di quanto donato.
Fondamentale riportare la causale corretta al momento del pagamento: Art Bonus - Comune di Empoli - nuovo Teatro il Ferruccio - Codice fiscale o P.Iva del donatore